Crea sito

Gestione dei cavalli anziani. Occhio particolare alla dieta

Fortunatamente negli ultimi anni è sempre più alto il numero di cavalli che, nonostante vengano considerati animali a fine carriera, possono godere di una vecchiaia dignitosa senza essere destinati ad altre tristi produzioni, permettendogli di superare, in molte situazioni, anche i 30 anni di età. Affinchè la loro qualità di vita sia buona bisogna però ricordarsi che i soggetti anziani necessitano di qualche attenzione in più.

Per quanto riguarda la gestione generale di soggetti anziani è bene che vengano sottoposti a regolari trattamenti contro i parassiti intestinali (vermifughi), controllo dei denti annuale, regolare controllo ed eventuale pareggio dei piedi, vaccinazione annuale. A causa dell’invecchiamento di tutto l’organismo la dieta diventa un punto fondamentale per i cavalli anziani. Questo perchè l’apparato digerente è meno efficiente, e perchè i denti sono eccessivamente consumati o non sono più presenti. Un’alimentazione adeguata deve essere appetibile, facilmente digeribile, priva di polveri, ricca di fibra e facile da masticare e deglutire.

In inverno, è bene fornire in maggior quantità foraggi, come erba fresca, fieno e insilato di erba, che con la fermentazione producono una riserva di calore; mentre con l’aumento delle temperature sono da preferire i concentrati, quali mangimi composti, integratori di cereali per cavalli o legumi. I cavalli anziani soffrono di una diminuzione dell’appetito che porta ad un progressivo deperimento, che può provocare disturbi metabolici, squilibri ormonali e deficit immunitari, diventa quindi necessario studiare piano alimentare personalizzato che contenga tutti i principi nutritivi necessari.

Prima di tutto è necessario tenere presente che i cavalli anziani hanno bisogno di un apporto energetico superiore, per prevenire i suddetti dimagrimenti eccessivi. E’ necessario quindi aumentare la quantità di fibra: oltre all’erba del pascolo, sono da preferire fieni di prato polifita di primo taglio, più sani perchè non contengono polvere. Per assimilare al meglio l’amido dei cereali sfruttiamo gli alimenti precotti, come cereali fioccati, estrusi o espansi, che risultano molto più digeribili. E’ utile ricorrere anche alla cottura diretta, come nei pastoni, o i cereali germogliati, ricchi di vitamine E e facili da digerire.

Anche aggiungere del lievito di birra alle razioni quotidiane aiuta la digeribilità dei pasti, grazie all’azione probiotica o prebiotica delle sostanze. Aggiungiamo sempre anche dei grassi alla dieta giornaliera, completando le razioni con oli vegetali: l’olio di mais, ricco di acidi grassi omega 6, olio di girasole o di semi vari, oppure l’olio di soia che contiene omega 3 e omega 6 nelle giuste proporzioni. A questo scopo è una buona alternativa anche l’uso di oli di pesce, come l’olio di fegato di merluzzo, ricca fonte di acidi grassi essenziali omega 3.

Con la vecchiaia, aumenta anche il fabbisogno di proteine: alimenti proteici particolari sono ricchi di amminoacidi essenziali che prevengono l’atrofizzarsi dei muscoli, malattia tipica dei cavalli anziani. E’ bene, però, controllare gli eccessi per difendere il fegato, che con l’età fa più fatica a lavorare. Alimenti proteici preziosi per la dieta dei nostri cavalli sono la soia e il siero di latte in polvere; oggi esistono anche nuclei proteici ad alta digeribilità pensati per i cavalli atleti, di cui però bisogna studiare le dosi più adatte per un cavallo anziano.

Per la salute delle ossa è indispensabile l’assunzione abbondante di sali minerali, attraverso i supplementi con i sali, quali carbonato di calcio e sodio (presente nel sale da cucina); la soluzione ideale è lasciare a disposizione i rulli di sale per il cavallo nel box, per fornirgli il giusto apporto di sodio.  Indispensabile è la somministrazione degli integratori, non solo di minerali, ma anche di vitamine: in particolare A, D, E, le vitamine del gruppo B, che hanno un effetto tonico e ricostituente, e la vitamina C, importante nella prevenzione dello stress e dell’osteoporosi.

© foto concesse da Antonella Urbano – Equitazione Tenuta Pedale




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*