Crea sito

La Respirazione nei Cavalli, apparato respiratorio e valutazioni

L’ apparato respiratorio nel cavallo è una struttura estremamente complessa che provvede allo scambio di gas, ossigeno e anidride carbonica tra il sangue circolante e l’aria atmosferica, condizione indispensabile alla sopravvivenza e al corretto funzionamento delle cellule dell’organismo.
Anatomicamente si distinguono vie aeree superiori extratotaciche che comprendono cavità nasali, faringe, laringe e trachea, deputate a regolare l’afflusso, la temperatura e l’umidità dell’aria e a trattenerne le impurità, e vie aeree inferiori intratoraciche rappresentate da bronchi, bronchioli e alveoli contenuti nel tessuto polmonare. Nel cavallo, il passaggio dell’aria avviene esclusivamente per via nasale.

apparato_resp

1 – Faringe
2 – Esofago
3 – Trachea
4 – Narici
5 – Seni nasali
6 – Bronchi
7 – Bronchioli
8 – Polmone
9 – Cuore

 

 

Un cavallo compie dai 10 ai 14 atti respiratori al minuto. La frequenza può variare con specie, razza, età, sesso, mole, digestione, gestazione e lavoro. Al passo essa può raggiungere i 71 atti/min, mentre al galoppo, ad una velocità maggiore di 500 m/min, può raggiungere un massimo di 300 atti/min. Il rilievo dei movimenti ritmici del fianco dell’animale, corrispondente alle fasi di inspirazioni ed espirazioni, è definito “specchio della respirazione”. Per l’analisi bisogna porsi al lato dell’animale e valutare gli atti respiratori, considerando la loro frequenza, il ritmo, la celerità e la durata. Le femmine in gestazione, i puledri e i cavalli dolicomorfi presentano una frequenza respiratoria fisiologicamente più elevata. 

torace-auscultazione-04

Fenomeni di tachipnea (aumento abnorme della frequenza degli atti respiratori) sono collegati a stati patologici come polmoniti, enfisemi polmonari, pleuriti, bronchiti infettive, reumatismi; anche un aumento eccessivo della temperatura ambiente ne è causa. Negli stati febbrili o dopo il lavoro, la frequenza respiratoria dei cavalli può raggiungere i 50 – 60 atti al minuto. Il ritmo respiratorio riguarda la modalità di sollevamento e di abbassamento del fianco dell’animale rispettivamente durante l’inspirazione e l’espirazione. Di norma la prima fase è più rapida della seconda; il rapporto è di 1/1,8. La fase di riposo è 1″/2″.

Le cause che aumentano la durata della fase inspiratoria sono rappresentate da fattori patologici che diminuiscono il lume delle vie respiratorie, in particolare qualsiasi tipo di lesione nei tratti dell’apparato respiratorio.

how_to_take_vital_signs-e1457946080127

La fase respiratoria aumenta se si presentano degli ostacoli nei piccoli bronchi o negli alveoli. In questo caso gli alveoli polmonari perdono la loro elasticità e l’espirazione avverrà in due tempi (dicrotismo): il primo breve, il secondo lungo. A quest’ultimo corrisponde il cosidetto “contraccolpo dei fianchi”, dovuto ad una contrazione dei muscoli addominali e del diaframma. Il dicrotismo respiratorio si osserva nei cavalli affetti da bolsaggine o in soggetti con catarro bronchiale cronico o con ipertrofia del cuore.

fisio_aerosol_big

 

Al termine del lavoro o di una passeggiata non dimentichiamo mai di asciugare meticolosamente il nostro cavallo per evitare che possa raffreddarsi e risultare quindi più suscettibile alle patologie infettive trasmissibili. E’ buona norma inoltre controllare la qualità dell’alimento e in particolare la presenza di polveri e muffe nel fieno e nel mangime le quali possono irritare gravemente le vie respiratorie, nonchè la qualità della lettiera che deve contenere la minore quantità di polvere possibile e essere sostituita quotidianamente per ridurre l’irritazione causata dalle esalazioni delle deiezioni.

4f0c54205ede8cf4a5ad3c989

Un ottimo consiglio da seguire è la somministrazione di fieno bagnato nei cavalli affetti da patologia respiratoria cronica, in quanto si riduce al minimo la presenza di polvere nell’alimento e quindi una possibile fonte di irritazione delle vie aeree. Per finire non dimentichiamo la regolare profilassi vaccinale nei confronti delle più comuni patologie respiratorie di origine virale e in particolare dell’influenza equina, contro la quale si consiglia di vaccinare almeno ogni sei mesi.

vaccino