Crea sito

Il sonno dei cavalli : corpo e mente

Il sonno per i cavalli serve a reintegrare i neurotrasmettitori, a ricambiare le energie, a consolidare la memoria, a trascorrere del tempo. Il sonno può essere distinto in due categorie: il “sonno della mente”, ad onde lente, (SWS) o sonno lento, in cui i cavalli sonnecchiano mantenendo uno stato di veglia; e il “sonno del corpo” paradosso, attivo, o sonno dei movimenti rapidi degli occhi (REM), in cui dormono e sognano.

Read more

I fieni: alimento base per i cavalli

I fieni sono raccolti dopo essiccazione prolungata al sole (fienagione) o per ventilazione artificiale fredda o riscaldata. Il valore nutritivo dei fieni è inferiore rispetto all’erba verde di prato, tuttavia è l’alimento più utilizzato nelle scuderie: l’utilizzo è molto comodo, il valore nutritivo è buono, lo stato di conservazione è facile, i rischi associati all’assunzione sono bassi.

Read more

L’anemia infettiva equina e il test di Coggins

L’anemia infettiva degli equini (AIE), è una malattia infettiva di origine virale dei cavalli, trasmessa da insetti vettori. La diagnosi di anemia infettiva degli equini può essere confermata da un’analisi di laboratorio, nota come test di Coggins. I cavalli che risultano positivi al test di Coggins sono da classificare come soggetti portatori del virus per tutta la vita, anche se non manifestano alcun sintomo della malattia e sono tecnicamente sani.

Read more

il programma di vaccinazioni per i cavalli

Le vaccinazioni sono un importante intervento di prevenzione per scongiurare il contagio e la diffusione di alcune gravi patologie. I frequenti contatti tra equini per scambi commerciali, riunioni sportive, gare e fiere aumentano il rischio di contrarre malattie infettive gravi e rendono necessario un serio programma vaccinale preventivo.

Read more

L’intervento di castrazione

La castrazione è una pratica molto antica che non fa parte di tutte le culture equestri (è diffusa soprattutto in Europa) e probabilmente deve la sua diffusione all’uso del cavallo nel lavoro agricolo, per cui si preferiva utilizzare animali docili e pazienti, più adatti allo sforzo fisico e che non avessero reazioni imprevedibili. Dove si utilizzava il cavallo per la guerra la castrazione era meno diffusa.

Read more