Tag Archives: ossa

I garretti: leve eccezionali e sorgenti dell’impulso

I garretti: leve eccezionali e sorgenti dell’impulso, elastici e solidi provvedono alla spinta e alla sua stabilità. I garretti! Di conseguenza, così leggeri e flessibili, spingono masse di tonnellate, di conseguenza proiettano le stesse su ostacoli alti, resistendo a sollecitazioni enormi.

EVOLUZIONE.

L’evoluzione ha selezionato questa ingegnosa struttura scheletrica, elaborata e versatile. Il cavallo è progettato per fuggire dai predatori. di conseguenza, requisito fondamentale dei posteriori è produrre accelerazione e velocità.

AZIONE.

La loro azione è simile a quella di un cardine, l’esiguo volume garantisce fluidità nella flessione e rapidità dei movimenti. Questi fanno avanzare i posteriori sotto la massa (protrazione, ingaggio), tuttavia il cavallo necessita anche di una solida base d’appoggio. Quest’ultima sorregge la massa e la proietta avanti (retrazione, spinta). Di conseguenza fanno da solida struttura per assorbire gli impatti.

I garretti corrispondono all’articolazione fra tibia e tarso. Sono composti da 7 ossa. Calcaneo e astragolo sono le più importanti per il movimento, 5 più piccole svolgono un lavoro minore. Queste ultime sono implicate in patologie localizzate a questa zona. L’astragalo è il fulcro del movimento oscillatorio. Tuttavia il calcaneo svolge un’azione di leva durante la spinta. Sopporta gli sforzi grazie alla sua conformazione larga e spessa. Le altre ossa diventano un unico corpo.

Nel cavallo è presente anche una struttura legamentosa. E’ attaccata sotto il femore, una anteriormente e l’altra posteriormente. Corrono parallelamente alla gamba stabilizzando l’articolazione. Muovono la parte inferiore dell’arto. Questa struttura viene chiamata “apparecchio reciproco”. Questi tendini possono irrigidire l’arto, di conseguenza permettono loro di dormire in piedi senza sforzo.

In alcuni, due ossa dei garretti sono fuse tra loro. Le ossa piatte tendono ad infiammarsi e ad unirsi (anchilosi), questa patologia, “spavenio osseo”, è dolorosa e provoca zoppia. Fuse completamente le ossa, tuttavia la zoppia scompare. Di conseguenza i garretti diventano più solidi e stabili. 

Le formelle: cosa sono e cosa fare




Le formelle:cosa sono e cosa fare.
Le formelle sono dei rigonfiamenti ossei. Esse vanno a formarsi attorno alle ossa del pastorale, a causa di traumi subiti dal cavallo o per un’artrite. 

ossa

DISTINZIONI

Si distinguono solitamente formelle alte, che interessano la giuntura superiore del pastorale, che sono facilmente visibili ad occhio nudo; e formelle basse, che interessano la giuntura inferiore, sono incassate nella parete dello zoccolo.

formella

Se una formella interessa la giuntura del pastorale, può provocare una zoppia permanente, mentre una formella che si trova al di fuori di questa, non pregiudica il lavoro del cavallo, tuttavia risulta comunque antiestetica.

formella

CAUSE

Le formelle sono causate da un impatto violento, da uno sforzo eccessivo del pastorale, dovuto a debolezza congenita, cattivi appiombi o ferratura errata, che causano la reazione infiammatoria della superficie dell’osso, con crescita anomala dell’osso stesso.

cavalli

 

Cause delle formelle, possono essere anche la conformazione del piede, che provoca un carico eccessivo al pastorale, così come una dieta povera di calcio, tuttavia ricca di fosforo può predisporre all’insorgenza della patologia.

cavalli

 

Una volta formate, possono essere rimosse solo con un intervento chirurgico, se la causa è stata trauma o lavoro eccessivo. Se ci si accorge tempestivamente dell’infiammazione, (con aumento della temperatura, reazioni dolorose alla pressione e zoppia) è possibile intervenire per bloccare il processo.

ossa

Per prima cosa, bisogna chiamare il veterinario, per eseguire una radiografia di controllo. Nel frattempo è bene tenere il cavallo a riposo, nel box, per evitarne quanto più il movimento. Docciature fredde, aiutano a frenare l’infiammazione, è opportuno eseguire una fasciatura semirigida. D’aiuto anche l’uso di una pomata antiflogistica.

formelle

Fredde aiutano a frenare l’infiammazione, ed è opportuno eseguire una fasciatura semi rigida. D’aiuto anche l’uso di una pomata,fredde aiutano a frenare l’infiammazione, ed è opportuno eseguire una fasciatura semi rigida. D’aiuto anche l’uso di una pomata antiflogistica