Crea sito

Ambiente e problematiche. Vantaggi e Svantaggi.

Ogni ambiente rappresenta vantaggi e svantaggi. Il lavoro all’aperto, specialmente se lo si svolge nella campagna naturale, esige maggior capacità nel cavaliere e rende il cavallo più sicuro di se, attento e generoso, è utile ma a sua volta può portare ad imperfezioni. L’allenamento fatto nel luogo chiuso, può facilmente cadere nel convenzionale, nell’abitudinario, o serbare spiacevoli sorprese quando occorre uscire il cavallo in passeggiata, a causa dell’assuefazione del cavallo in un determinato ambiente.

L’alternanza dei lavori favorisce un ottimo risultato.

Neve man

Affinché il lavoro dia un ottimo risultato occorre che il cavaliere abbia fermezza e un buon assetto in sella per ottenere una maggiore indipendenza della mano ed impartire gli ordini con fluidità e giusta sensibilità, diversamente il cavaliere rischierebbe di “aggrapparsi alle redini” in caso di inaspettate reazioni del cavallo.

Non bisogna dimenticare che alla rigidezza del cavaliere corrisponde la rigidezza del cavallo, specialmente se si tratta di soggetti di sangue. Se la mano del cavaliere agisce rigidamente, il cavallo tenderà ad andare contro la sua mano. In questa situazione occorre sospendere il lavoro e tornare ad un lavoro piu semplice, piu elementare cercando di correggere con calma i difetti  di atteggiamento manifestatisi, cercando di snervarsi, di astrarsi dal lavoro che compie, cercando di uniformare il ritmo dei propri movimenti a quelli del cavallo, deve cioè controllarsi, capire subito il proprio difetto ed evitare di compiere azioni di coercizione, come bruschi arresti che determinano dolore alla bocca, indietreggiamenti, tirare le redini, azione delle gambe, ecc…

 

 

Molto spesso un lavoro insufficiente unito ad un cattivo addestramento possono portare a viziare il cavallo ed ottenere atteggiamenti falsi.
Nei cavalli sensibili le azioni di una mano dura e brutale, che hanno agito con sproporzionata intensità o imboccature eccessive, si ripercuotono dolorosamente sulla bocca, provocando per difesa falsi atteggiamenti di incollatura e manifestazioni di insofferenza.